Indice del forum

Gli amici del forum

L'amicizia è il miele della vita.

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Energia pulita
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Scienza e tecnologia
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
mareblu

Quasi Esperto
Quasi Esperto


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 24/11/11 21:54
Messaggi: 966
mareblu is offline 

Località: Liguria
Interessi: musica, attualità, altri
Impiego: multincarichi nel P.I.



italy
MessaggioInviato: 27 Feb 2012 15:25:55    Oggetto:  Energia pulita
Descrizione:
Rispondi citando

Arrivano i soldi, 600 milioni di euro, per piccoli impianti di energia pulita. Non sprechiamoli, non speculiamo e favoriamo nuova crescita…
Sul tavolo ci sono 600 milioni di euro, tutti e subito, e considerando l’effetto moltiplicatore si possono immaginare investimenti per circa 1 miliardo e 200 milioni.
Una montagna di soldi, sotto il titolo Fondo di Kyoto, a disposizione non soltanto di imprese e di amministrazioni pubbliche ma innanzitutto di cittadini e di singoli condomini per realizzare interventi nel campo del risparmio energetico e delle rinnovabili.
E’ facile immaginare che dal prossimo 16 marzo, quando scatterà il click day per accedere al “prestito di scopo” (al tasso agevolato dello 0,5 per cento per una durata di sei anni), al 14 luglio, il termine ultimo per la presentazione delle domande, si scatenerà la corsa all’energia pulita. Un film che abbiamo già visto con gli incentivi per il fotovoltaico che hanno consentito all’Italia di aconquistare un singolare primato: siamo stati, nel 2011, il primo paese al mondo per impianti di energia solare installati con 9 gigawatt, rispetto ai 7,5 della Germania e agli appena 1,5 della Francia. Numeri che fanno riflettere, perché comprendono anche una quota di speculazioni, spesso di natura finanziaria più che industriale, alimentate da un uso troppo generoso e disinvolto degli incentivi.
Ma la novità del Fondo di Kyoto, la cui regia è stata affidata alla Cassa depositi e prestiti, è che questa volta si punta decisamente su piccoli impianti per la produzione di elettricità, calore e freddo, e su impianti da fonti rinnovabili di piccola taglia. Il cambio di paradigma è importante, e può aprire le porte a una nuova stagione degli investimenti orientati al risparmio energetico e alla riduzione degli sprechi in un settore vitale dell’economia e della vita domestica.
Provate a immaginare: se i soldi del Fondo di Kyoto saranno spesi bene, e con trasparenza, allora possiamo pensare che tante famiglie italiane, tanti condomini, tanti piccoli agricoltori, decideranno di imboccare la strada dell’energia pulita e autosufficiente.
Con tre vantaggi sul sistema Paese: un taglio agli sprechi e alle bollette, una riduzione dell’inquinamento ambientale, e una spinta vitale alla crescita economica, quella sana e non quella compulsiva e sprecona. Aggiungete, infine, che il costo dei pannelli solari continua a diminuire su tutti i mercati, mentre la tecnologia fa passi da gigante nella direzione di una minore spesa per la produzione e di una maggiore efficienza. E anche questa è un’opportunità di crescita economica: perché finora, proprio con il boom del fotovoltaico di grandi dimensioni, gli incentivi hanno favorito prevalentemente produzioni di pannelli stranieri, in primis quelle dell’agguerrita concorrenza cinese.
Adesso possiamo pensare di svoltare, costruendo anche grazie all’effetto volano del Fondo di Kyoto, quella filiera made in Italy dell’energia pulita. E a quel punto i primati dell’Italia nelle rinnovabili non sarebbero più oscurati dai dubbi delle speculazioni, ma netti e chiari, proprio come la luce del sole.

Sempre che non arrivi il solito "nuvolone nero" a coprire la luce..

_________________
** essere sempre se stessi**
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: 27 Feb 2012 15:25:55    Oggetto: Adv






Torna in cima
i_man

Guru
Guru


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 62
Registrato: 21/07/11 23:38
Messaggi: 3198
i_man is offline 

Località: Liguria
Interessi: musica, lettura, economia, finanza, tecnologia, viaggi, culture, persone
Impiego: Manager
Sito web: http://linkedin.com/in...


italy
MessaggioInviato: 17 Ott 2012 16:41:04    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Le distese di pannelli solari sono una delle immagini che meglio rappresenta la rivoluzione verde che – come tutti speriamo – sta cambiando il modo di intendere e sfruttare le fonti di energia pulita.
Eppure anche i pannelli solari hanno dei difetti: per esempio non funzionano in tutte le condizioni atmosferiche, occupano vaste superfici orizzontali e non sempre riescono a seguire gli spostamenti del sole lungo tutto l’arco della giornata.

Il sistema ß.Torics del tedesco André Broeßel punta a risolvere tutte e tre queste questioni e di farlo con un sistema che, oltre a migliorare l’efficienza dei pannelli solari del 30-35%, aggiunge un elemento estetico che renderebbe i pannelli solari del futuro veri e propri oggetti di design.

Questo elemento consiste della forma solida più perfetta che esiste: la sfera. Con una sfera di vetro con acqua all’interno, Broeßel è in grado di concentrare i raggi solari (anche quelli che, di notte, sono riflessi dalla Luna) su un singolo pannello (proprio come farebbe una lente d’ingrandimento) che poi può essere usato per trasformare luce e calore in energia.

La forma sferica del sistema permette di seguire il Sole mentre si sposta sulla volta celeste durante il giorno senza bisogno di integrare un costoso e complesso apparato meccanico. Inoltre la forma sferica dei sistemi ß.Torics, installabile anche in verticale sulle facciate dei palazzi, può aggiungere un valore estetico.

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
*** carpe diem ***

"sapere di non sapere è saggezza suprema, non sapere di sapere è un male"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage Yahoo Messenger
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Scienza e tecnologia Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Gli amici del forum topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008